Come aprire un’attività in Irlanda

By on October 30, 2012

Aprire un’attività in Irlanda ed iniziare a lavorare in proprio è relativamente semplice.

Abbiamo intervistato il commercialista irlandese Seamus Parfrey per saperne di più.

Laureatosi in Economia all’UCC di Cork, una delle più prestigiose università del paese, Seamus ha ricevuto la qualifica di commercialista nel 1979. Oggi è uno dei soci fondatori della Parfrey Murphy Chartered Accountants, rinomata compagnia di consulenza commerciale con sede a Cork.

Sei alla ricerca di un commercialista serio, competente ed affidabile per avviare la tua attività in Irlanda? Seamus può aiutarti a trasformare i tuoi progetti irlandesi in realtà e ad aprire un’attività in pochi giorni.

Dai un’occhiata al nostro SERVIZIO di ASSISTENZA BUSINESS per saperne di più!

Seamus Parfrey

 

1. Buongiorno Seamus. Quali sono i passi fondamentali per dare vita a un business in Irlanda?

Prima di tutto bisogna decidere se si vuole iniziare come limited company (SRL) o come un sole trader (ditta individuale).

Nel primo caso la compagnia deve essere registrata presso il CRO, il Companies Registration Office, e ogni anno è necessario inviare la dichiarazione dei redditi allo stesso CRO. Una volta costituita la società, sarà necessario registrare la partita iva (VAT) presso il Revenue Commissioner (agenzia delle entrate) per le questioni fiscali ed aprire al tempo stesso un conto corrente bancario a nome del nuovo business. La registrazione per l’iva si può effettuare quando si inizia a fatturare, senza fretta.

È più semplice iniziare come imprenditore in proprio (sole trader): tutto ciò che bisogna fare è registrarsi al Revenue Commissioner.

2. In quanto tempo si può iniziare a fare business?

Una compagnia può nascere ufficialmente in soli 3 giorni lavorativi, dal momento in cui CRO ha ricevuto la documentazione. Si può invece iniziare praticamente all’istante come sole trader.

3. Quale pensa sia il migliore settore in cui investire, in Irlanda?

Direi l’importazione e l’industria alimentare in generale. Il peggiore è senza ombra di dubbio il settore delle costruzioni: il mercato è totalmente saturo.

4. Che consigli darebbe a un imprenditore italiano che vorrebbe investire in Irlanda?

Gli direi di avere contatti con altre persone fidate, di associarsi, di affidarsi ad un commercialista o business consultant che possa dargli consiglio. È necessario avere la sicurezza che la struttura societaria sia stata progettata correttamente. Bisogna inoltre imparare a conoscere le differenze tra l’economia irlandese e italiana, in particolare dal punto di vista burocratico.

5. Com’è la tassazione sulle aziende in Irlanda?

L’imposta è del 12.5% ma può essere portata a 0 per i nuovi business. C’è la possibilità che le nuove imprese non debbano pagare tasse per i primi 3 anni di attività, se il reddito imponibile annuo è inferiore ai 40mila euro.

6. Cosa bisognerebbe fare in caso di fallimento?

Se ci sono segnali ch il business non sta andando come dovrebbe la cosa migliore è affidarsi al consiglio professionale di qualcuno che possa aiutare l’imprenditore nella gestione e nell’amminstrazione dell’impresa e spiegargli le procedure per chiudere l’attività.

7. Che documentazione serve per lavorare in proprio in Irlanda?

Bisogna far avere al proprio commercialista e al banchiere di riferimento una copia del passaporto (o carta d’identità) e un documento che attesti la propria residenza (in Italia o in Irlanda: non è obbligatorio richiedere la residenza irlandese). Si tratta di tutto ciò che serve per iniziare!

8. Quali sono i costi per avviare un’impresa in Irlanda?

Fondare una scietà in Irlanda può costare poche centinaia di euro, è molto conveniente. Inoltre lo si può fare in brevissimo tempo, non serve molta documentazione e le barriere burocratiche, a differenza di quelle italiane, sono molto sottili ed accessibili. Sono tanti i buoni motivi per investire in Irlanda…

Luca Cattaneo

6 Comments

  1. Adriano

    August 7, 2014 at 1:37 pm

    produco infissi in alluminio legno e in alluminio taglio termico
    vorrei avviare la mia attività in Irlanda se fosse possibile
    non conosco la lingua ma posso imparare o tutta l’attrezzatura che
    serve possibile avviare anche con un socio

  2. Massimo D'Aversa

    November 20, 2014 at 9:12 am

    Ciao, voglio aprire una filiale della mia Training Company a Dublino, destinata alla formazione on line.
    Mi puoi aiutare?
    Massimo

    • Italiani Dublino

      November 24, 2014 at 12:48 pm

      Ciao Massimo, certo, ti invio subito un’email! Luca

  3. Fabio

    December 2, 2014 at 8:29 pm

    Ciao,
    vorrei sapere se è saggio aprire un negozio di videogiochi in Irlanda.
    Ci sarebbe mercato?
    Se si, ci sono aiuti per i contatti con i fornitori, supporto economico per l’apertura del negozio.
    Nel caso l’idea non fosse praticabile, ha dei contatti che potrei usare per lavorare in Irlanda e perfezionare il mio inglese?
    In ultimo le chiedo un parere personale, su quale potrebbe essere un attività imprenditoriale di cui c’e’ bisogno nel paese.
    Grazie in anticipo,

    distinti saluti

    Fabio

  4. Vincenzo

    January 25, 2015 at 5:14 pm

    Salve,

    desidero capire se registrandomi come sole trader ho dei costi fissi (come in Italia per esempio, dove si pagango minimale inps,studi di settore ecc) oppure se è vero che si paga solo su quello che ralmente si guadagna. Tanto per capirci come agente di commercio in italia pure se fatturi zero, lo stato vuole 3000 € circa /anno. mi hanno detto che in irlanda non è cosi. puo confermarmelo?
    inoltre, se cosi’ è, e cioé che si paga solo se si fattura e in base a quello che si fattura, quanto costa “mantenere una iscrizione come “sole trader”?
    Altra domanda, Lei puo aiutarmi per assistermi ed espletare queste pratiche per me? i consiglia un commercialista in dublino?

    Grazie mille per la collaborazione

    Vincenzo D.

  5. Rossella

    March 28, 2015 at 1:08 pm

    Salve
    Vorrei aprire un negozio e visitando i siti per gli affitti di locali commerciali mi capita di vedere che oltre all’affitto ci sono delle tasse da pagare, di cosa si tratta, e perchè spesso l’affitto viene dato annualmente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>