Mangiare in Irlanda: è meglio che in Italia (forse)

2
152

In Irlanda si mangia meglio che in Italia? Difficile se non impossibile trovare qualcuno che lo affermi.

La cucina italiana è rinomata ed apprezzata in tutto il mondo ed ogni italiano, chi più e chi meno, è consapevole e a tratti orgoglioso del patrimonio gastronomico della propria nazione.

Eppure il valore del Food Security Index 2014 (Indice di Sicurezza Alimentare 2014) irlandese è nettamente superiore a quello italiano. E non di poco.

Nel Ranking mondiale l’isola di smeraldo si colloca infatti al 7° posto, il bel Paese solo al 22°.

Quali sono i motivi di un risultato tanto curioso?

Per quanto riguarda la qualità del cibo l’Italia è in vantaggio sull’Irlanda, posizionandosi al settimo posto della classifica mondiale. (l’Irlanda conquista un comunque onorevole 9° posto).

In Irlanda è migliore la qualità dei micronutrienti e la disponibilità di ferro di origine vegetale, mentre in Italia la dieta è nettamente più diversificata (83.9% contro l’80.4% dell’Irlanda) e c’è una leggera maggiore disponibilità di ferro animale.

La vera differenza tra le due nazioni sta nei dati della categoria “Disponibilità”.

L’Irlanda investe nettamente di più nella ricerca alimentare (il 50% in più del’Italia), ha migliori infrastrutture agricole e portuali, minor corruzione e maggior stabilità politica.

Per analizzare i dati presi in esame nel dettaglio è possibile visionare le schede dei due Paesi sul sito ufficiale del Food Security Index:

IRLANDAITALIA

Ammettiamolo, il titolo del post è una provocazione, mangiare in Irlanda può essere un’esperienza positiva o negativa per noi italiani a seconda di innumerevoli fattori.

Ciò non toglie che, in base alle analisi dell’indice preso in esame, sostenere a priori “in Italia si mangia meglio che in Irlanda” – come moltissimi fanno – sia un tantino azzardato. 🙂

Luca Cattaneo

 

style=”display:inline-block;width:336px;height:280px”
data-ad-client=”ca-pub-0372116437029619″
data-ad-slot=”2718510309″>

2 Commenti

  1. Interessante, pero’ bisogna anche vedere di chi e’ lo studio che, in questo caso, e’ stato sponsorizzato dalla DuPont (quelli dei prodotti geneticamente modificati, dei clorofluorocarburi, ecc.). Non a caso gli USA sono i primi della lista…

  2. “l’Irlanda ha migliori infrastrutture portuali”

    ————————————————-

    penso che dovrò puntare la sveglia per ricordarmi quando smettere di ridere! Cork, di cui si sparla ai quattro venti per essere “il porto naturale fra i piu grandi al mondo”, ha dei mezzi di movimentazione RIDICOLI e un traffico di merci (statistiche alla mano) assolutamente irrilevante. Cinque banchine in croce. Parola di uno che ha letteralmente vissuto dentro i porti italiani per anni e anni. Ha la stessa importanza del porto di Barletta grosso modo. There is no comparison, Italy win 5-0

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui