Lavorare “Au Pair” a Dublino: info e consigli!

1
75

Il lavoro alla pari è una formula di integrazione principalmente dedicata ai giovani tra i 18 e i 28 anni d’età. I ragazzi vengono inseriti all’interno di un nucleo famigliare che provvede a fornire loro vitto, alloggio e una retribuzione settimanale (il pocket-money) in base alle ore di lavoro, in cambio di una partecipazione attiva ai doveri della famiglia (soprattutto babysitting e faccende domestiche). In genere l’impegno richiesto è di 5 ore al giorno e 2 o 3 serate settimanali, con un giorno completamente libero nel week-end. Solitamente il soggiorno può durare dai 3 ai 12 mesi.

I vantaggi dell’esperienza Au Pair? La possibilità di imparare l’inglese in maniera diretta, da persone di madrelingua, nonché di entrare a far parte per un certo periodo della vera vita di una famiglia straniera, con le sue usanze, abitudini e convenzioni. Si tratta di un’esperienza formativa che non si limita all’apprendimento della Lingua, ma che porta ad una crescita a livello umano, sociale e di senso della responsabilità in quanto pressoché nella totalità dei casi sarà richiesto di accudire i bambini, aiutarli a vestirsi, accompagnarli a scuola e dargli una mano con i compiti a casa.

Il modo migliore per trovare un lavoro alla pari garantito è rivolgersi alle agenzie del settore, molte delle quali operano proprio per il mercato italiano.

Un paio di consigli: EazyDublin è un’agenzia italo-irlandese che opera da anni nel settore dell’accoglienza e offre ottime esperienze au pair a prezzi ragionevoli. Per info più dettagliate sulle loro offerte puoi cliccare qui.

Se invece preferisci una ricerca “fai-da-te”, un buon sito è Aupair-World.net, sul quale con un po’ di fortuna potresti trovare proposte davvero interessanti, a questo link.

Durante il soggiorno è inoltre possibile frequentare corsi di Inglese per ottenere certificazioni ufficiali delle competenze conseguite.

I documenti necessari per iniziare il tuo lavoro alla pari sono solo tre:

  • Certificato medico di buona salute
  • Documento di identità
  • Lettera di presentazione (se ti affidi ad un’agenzia, generalmente ti saranno indicate tutte le modalità per compilarla)
Luca Cattaneo

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui