L’arpa celtica, simboli e suoni d’Irlanda

0
633

Una volta approdati nell’isola di smeraldo sicuramente noterete un simbolo, l’arpa, che vi troverete spesso davanti agli occhi: sui cancelli dorati di un parco, sulla lattina della vostra Guinness o magari durante uno dei tanti concerti improvvisati da qualche artista di strada.

L’arpa celtica è uno dei principali segni di riconoscimento dell’Irlanda ma vi siete mai chiesti il perché?

Gli irlandesi, si sa, sono un popolo molto aperto ed amichevole e fin dall’antichità amavano intrattenere i loro ospiti con avventure di miti ed eroi; queste avvincenti storie venivano per l’appunto accompagnate con il dolce suono dell’arpa.L’arpa celtica

Questo tradizione, così sentita e radicata, fece diventare questo strumento un simbolo che poi venne utilizzato in molteplici casi: Inciso sulle monete nel 1500, disegnato nei documenti dei monaci benedettini o sullo stemma di qualche stirpe regale questo segno venne così inevitabilmente associato alla cultura irlandese. È stata però una leggenda in particolare, riguardante il primo re di Irlanda Brian Boru , che fece diventare l’arpa uno dei simboli celtici per eccellenza . Egli amava suonare questo strumento al figlio Donog che ,nel 1604 in un pellegrinaggio, portò l’arpa dorata in dono al papa.

Questa restò a Roma fino al 1500 passando tra mani di re ed ecclesiastici di spicco; Solo parecchi anni dopo l’ arpa, finito lo scisma tra chiesa cattolica e protestante che segnò profondamente questa terra, tornò in patria nelle mani di William Conyngham che poi la donò al Trinity College dove, ancora oggi, la si può vedere nella sua raffinatezza ed eleganza.

Dopo la parte più storica che riguarda questo emblema ora vorrei raccontarvi un piccolo aneddoto che forse non conoscete; Nel 1967 un ladro tentò un furto al Trinity College, non riuscendo ad aprire la teca del libro di Kells si “accontentò” di rubare soltanto la famosa arpa .

Tra l’imbarazzo ed il caos generale, solo qualche settimana dopo, arrivò la richiesta ufficiale del criminale che minacciava di distruggerla se non gli fosse stato dato in cambio del denaro. La vicenda finì con un’incontro tra la polizia ed il ladro che in quell’occasione venne catturato, la Garda recuperò così il simbolo tanto caro agli irlandesi!

Ora si può quindi ammirare l’arpa protetta in una teca che non nasconde però la bellezza ed il fascino di un oggetto ricco di storia e che incanta ancora oggi nelle tipiche melodie celtiche che ,come in tempi lontani ,ci parlano di queste magiche terre.

Stella 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui