Birra Guinness: 10 Curiosità!

0
1252

Per celebrare l’Arthur’s Day 2012, il giorno dedicato alla Guinness che ricorre ogni 27 Settembre, eccovi 10 curiosità sulla birra stout più famosa del mondo e sul suo creatore!

  • La prima pinta di Guinness fu spillata a Celbridge, paese natale di Arthur Guinness nella contea di Kildare, in un locale situato dove al giorno d’oggi si trova il pub conosciuto come Mucky Duck.
  • Arthur Guinness sposò Olivia Whitmore, da cui ebbe la bellezza di 21 figli!
  • Per più di vent’anni Arthur si specializzò nella produzione della birra ale (birra chiara), prima di iniziare i suoi esperimenti con le birre scure (porter e stout)!
  •  I Dublinesi (e i tanti turisti presenti in città ogni giorno!) adorano la birra nera più famosa d’Irlanda: ogni week-end ben 9.800 pinte all’ora sono spillate nei pub lungo le rive del Liffey dalle 17:50 del venerdì fino alle 3:00 del lunedì successivo!
  • Si dice che perfino le donazioni di sangue a Dublino venissero incoraggiate con la promessa di una pinta di Guinness gratis: per recuperare il ferro perso!
  • Il titolo “Guinness dei primati” deriva proprio dalla Guinness Brewery, di cui sir Hugh Beaver, creatore della famosa raccolta di record, era amministratore delegato!
  • Ogni anno nel mondo vengono prodotti 850 milioni di litri di Guinness (1.8 miliardi di pinte!), consumati in più di 100 Paesi diversi! 
    Arthur Guinnes
  • La sola Birreria Guinness di Dublino da lavoro ad oltre 3000 persone! 
  • La birra si presenta scura, quasi nera, ma il colore vero è molto simile al rosso rubino (è possibile notarlo guardandola controluce!). Il colore e il sapore tipici le sono conferiti da un particolare procedimento di tostatura e cottura dell’orzo.
  • La schiuma della Guinness è molto densa, quasi fosse una crema: ricorda quella del cappuccino! Un buon trucco per riconoscere una stout ben spillata è quello di disegnare qualcosa (io consiglio un trifoglio) sulla superficie della schiuma e controllare se se ne vedono ancora le tracce all’ultima sorsata: in quel caso avremo bevuto un’ottima Guinness!

Sono quasi le 17:59, ora del brindisi in questo giorno speciale per ricordare l’anno di nascita della Guinness, il lontano 1759!

Non mi resta che augurarvi un buon Arthur’s Day, sollevare la pinta al cielo ed esclamare…

“TO ARTHUR!”

 Luca Cattaneo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui